A caccia di neutrini nel mare profondo: il progetto KM3NeT

giovedì 03 giugno dalle ore 17:00 alle ore 18:00
Adv live 3 giugno fb

La diretta inizierà alle ore 17.00:
Youtube 
sul nostro canale YouTube Facebook sulla nostra pagina Facebook.

Per scoprire tutti i prossimi appuntamenti consulta il nostro calendario  Calendario eventi  oppure segui  Facebook  la nostra pagina facebook.

A caccia di neutrini nel mare profondo. Il progetto KM3NeT

Dialogo in diretta con Rosa Coniglione (INFN), Deputy spokesperson di KM3NeT

 

KM3NeT è un'infrastruttura di ricerca che ospita i telescopi per neutrini di prossima generazione. Si tratta di una collaborazione internazionale di oltre 250 scienziati provenienti da più di cinquanta istituti scientifici in tutto il mondo.

Situato nei mari più profondi del Mediterraneo, KM3NeT aprirà una nuova finestra sul nostro Universo, ma contribuirà anche alla ricerca delle proprietà di quelle sfuggenti particelle chiamate “neutrini". Nello specifico il telescopio ARCA -situato a una profondità di 3500 metri, a circa 80 km al largo di Capo Passero, Sicilia-, insieme al suo rivelatore gemello ORCA, situato al largo di Tolone, in Francia, consentirà agli scienziati di identificare le sorgenti astrofisiche di neutrini cosmici ad alta energia e studiare le proprietà fondamentali dei neutrini, la più elusiva e pervasiva delle particelle elementari conosciute. I due rilevatori forniranno anche opportunità senza precedenti per gli studi scientifici della Terra e del Mare.

Una volta completato, il rilevatore KM3NeT/ARCA formerà un array di oltre duecento unità di rilevamento. Ciascuna di queste strutture alte 700 metri comprende 18 moduli dotati di sensori di luce ultrasensibili che registrano i deboli lampi di luce generati dalle interazioni dei neutrini nell'abisso nero come la pece del Mar Mediterraneo.

Con il telescopio ARCA, gli scienziati KM3NeT cercheranno neutrini da sorgenti astrofisiche distanti come supernove, raggi gamma o stelle in collisione. La struttura ospiterà anche la strumentazione per le scienze della Terra e del Mare per il monitoraggio a lungo termine e in linea dell'ambiente marino profondo e dei fondali marini a profondità di diversi chilometri. Una volta completati, i telescopi avranno volumi di rivelatori compresi tra megatoni e diversi chilometri cubi di acqua di mare limpida.

Al termine della diretta trasmetteremo il reportage che la Centrale dell’Acqua ha realizzato su KM3NeT nell’aprile 2021.



Ti potrebbe interessare anche


Nessun evento

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Cliccando su accetti acconsenti all’uso dei cookie.