Essere o diven-essere? Che cos’è l’identità. Dialogo con Ugo Morelli

lunedì 17 gennaio dalle ore 18:00 alle ore 19:00
Social lunedì 17 gennaio

In presenza. Ingresso libero fino a esaurimento posti, necessario green pass.

L’evento sarà anche trasmesso in diretta:

Youtube  sul nostro canale YouTubeFacebook sulla nostra pagina Facebook e sul nostro Icona linkedin profilo Linkedin.

Per scoprire tutti i prossimi appuntamenti consulta il nostro calendario  Calendario eventi  oppure segui  Facebook  la nostra pagina facebook.

L’identità è la struttura elementare del comportamento umano. È essenziale però sostenere che è nel movimento continuo tra ciò che si pensa e si sente di essere e ciò che si introietta dalle relazioni che si vivono con gli altri e il mondo che si diventa quello che si è.

Ugo Morelli propone dunque un neologismo: la diventità. Noi siamo vivi fintanto che diveniamo. Il costrutto dell’identità scolorisce: ciò che abbiamo bisogno di mettere al centro nel processo di individuazione è un continuo divenire. Anche un semplice dialogo ci cambia, pur se impercettibilmente. Che cosa rimane quindi dell’identità? Progressivamente non ha più un correlato neurocognitivo, se non esperienziale e storico. L’identità è solo un simulacro che noi esibiamo continuamente, l’esigenza di riconoscersi in una persistenza: un’esigenza comprensibile, ma che diviene problematica quando si irrigidisce e l’identità viene usata non tanto -o solo- per il riconoscimento di una persona e il prosieguo della propria individuazione, ma trascurandone l’aspetto fondamentale: è nell’emergenza che ci si reindividua continuamente. Un meccanismo di difesa che produce conformismo: questa istanza conformista è il risultato dell’indifferenza verso il mondo esterno, che però in realtà è condizione stessa della nostra esistenza. "Il problema è che il conformismo satura. Queste sono le problematiche che derivano dalla pratica dell’indifferenza quando l’identità pretende di fissare la realtà, se stessi, il rapporto con il mondo, una strategia, a un momento dato, precludendo ogni forma di cambiamento e di adattamento, vivendolo addirittura come rischio o nemico. Da quella scena scompare la creatività, e scompare l’innovazione, che esige discontinuità, disobbedienza all’ordine costituito".

Guarda le foto dell'evento

_______________________________________________________________________________________________

Ugo Morelli è un saggista e psicologo italiano. Insegna Scienze Cognitive applicate al paesaggio e alla vivibilità al DIARC dell’Università Federico II di Napoli. Già professore presso le Università degli Studi di Venezia e di Bergamo, è autore di un ampio numero di pubblicazioni.

Il suo ultimo volume è "Francesco Novara. Il lavoro non è più quello di un tempo" (con Giuseppe Varchetta, Guerini, 2021).

 



Ti potrebbe interessare anche


giovedì 19 Maggio 2022 alle ore 18:30-20:00

Un futuro equo e circolare. Verso il Verde e il Blu | Giovedì 19 maggio, ore 18.30

UN FUTURO EQUO E CIRCOLARE. VERSO IL VERDE E IL...

In Centrale

domenica 22 Maggio 2022 alle ore 16:30

Pianocity #InCentrale, "Il pianoforte immerso" | Domenica 22 maggio 2022, ore 16.30

Pianocity #InCentrale "Il pianoforte immerso" Domenica 22 maggio 2022, ore...

In Centrale

mercoledì 25 Maggio 2022 alle ore 14:30-15:30

Passaggi sull'acqua #8 La nostra acqua che fa bene | Mercoledì 25 maggio ore 14.30

PASSAGGI SULL'ACQUA #8 | LA NOSTRA ACQUA CHE FA BENE...

In Centrale

mercoledì 25 Maggio 2022 alle ore 21:00

Immergersi nell'Antropocene #5 - Magico Mediterraneo con Pietro Formis

IMMERGERSI NELL'ANTROPOCENE LA FOTOGRAFIA NATURALISTICA SUBACQUEA IN TEMPI DI CRISI...

Antropocene

lunedì 30 Maggio 2022 alle ore 18:30-20:00

Una storia da raccontare. Con Chiara Alessi, Giacomo Papi e Gian Andrea Cerone, intervistati da Jacopo Tondelli | Lunedì 30 maggio 2022, ore 18.30

UNA STORIA DA RACCONTARE Il valore delle storie nell'epoca dell'eterno...

Che impresa fare città

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Cliccando su accetti acconsenti all’uso dei cookie.